Paver e Albert Export protagoniste di Project Qatar

Con 22 imprese, tra cui le piacentine Albert Export srl e Paver Spa di Piacenza, l’Emilia-Romagna è stata protagonista all’undicesima edizione di Project Qatar, l’appuntamento fieristico più importante nel settore delle infrastrutture, progettazione e costruzioni, con particolare attenzione a materiali e tecnologie ecosostenibili, che si è svolto nella capitale Doha.

Le imprese del comparto costruzioni, tecnologie e materiali per l’edilizia, hanno potuto presentare prodotti e servizi, oltre a sviluppare opportunità d’investimento, partenariati e forme di collaborazione industriale.

La partecipazione è stata cofinanziata dal sistema camerale e dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del progetto “Opportunità di business negli Emirati e in Qatar per le imprese emiliano-romagnole della filiera abitare-costruire” a valere sui fondi regionali Bricst plus 2012-2013. L’iniziativa è promossa da Unioncamere e Camere di commercio dell’Emilia-Romagna, con Eurosportello, azienda speciale della Camera di commercio di Ravenna che funge da soggetto attuatore.

L’obiettivo del progetto, articolato in precisi passaggi, è di accompagnare le imprese della filiera dell’abitare-costruire in un percorso di internazionalizzazione personalizzato attraverso azioni di conoscenza, promozione, assistenza, consolidamento nell’area del Golfo, in particolare negli Emirati Arabi Uniti e in Qatar, per sviluppare opportunità commerciali e relazioni economiche stabili e durature.

La prossima azione del progetto sarà l’incoming di 10 operatori dai paesi del Golfo durante la manifestazione SAIE di Bologna dal 22 al 25 ottobre 2014.

La partecipazione emiliano-romagnola si è inserita all’interno della collettiva italiana coordinata dall’ufficio ICE di Doha.

Le aziende hanno giudicato positivamente la partecipazione che ha portato in alcuni casi a sottoscrivere contratti e ottenere commesse importanti, ed in generale per i buoni contatti ottenuti, soprattutto nella ricerca di contractors e distributori sul mercato del Qatar.

Grazie al lancio del piano di sviluppo infrastrutturale nel 2011, in vista dei Campionati mondiali di calcio Fifa 2022, il settore delle costruzioni in Qatar è in piena fioritura (+11,7%) e per questo settore si prevede di assegnare più di 22 miliardi di dollari per nuovi contratti. I progetti in corso sono valutati per un totale di 250 miliardi di USD, con i progetti infrastrutturali che coprono circa il 34% del totale degli investimenti. Si stima che dei 250 USD stanziati dal Governo di Doha, 100 saranno spesi per progetti di sviluppo per la Coppa del Mondo di calcio del 2022, con uno sviluppo del mercato immobiliare, per un valore effettivo di 55 miliardi di USD, che vedrà un aumento del 92% dell’offerta di alte torri di uffici commerciali in 2 anni ed un incremento del 34% nella fornitura di spazi commerciali, con circa 197 mila metri quadrati dedicati a superfici commerciali.

Tra i grandi progetti in cantiere, la realizzazione della metropolitana di Doha, lo sviluppo della rete autostradale e di quella ferroviaria.

Queste opere offrono opportunità di business anche alle imprese italiane, poiché richiedono ingenti forniture di macchinari e mezzi di automazione e movimentazione che l’industria locale non è ancora in grado di produrre in proprio.

L’Italia vanta in Qatar di notevole considerazione: sul piano economico-commerciale l’interscambio bilaterale negli ultimi 5/6 anni si è più che quintuplicato, attestandosi ad oltre 2 miliardi di euro.